Image-empty-state.png

Pio Sanquirico

Gudo Visconti, Milano, 1847 - Milano, 1900

Pio Sanquirico si formò all’Accademia di Brera come allievo di allievo di Giuseppe Bertini e Raffaele Casnedi.
Le sue prime esposizioni trattavano scene di genere, ricostruzioni storiche e in costume, permeate da una attitudine romantica.
Dal 1874 partecipò ad esposizioni braidensi. In questi anni seguì il fascino della Scapigliatura e a partire dagli anni Ottanta dipinse opere a tema mistico e spirituale accostate a composizioni floreali di tipo decadente. Tra le opere più significative si ricorda Fiori in oblio (esposta nel 1892) attualmente esposta presso la GAM Galleria d’Arte Moderna a Milano
Alcune sue opere raccontano vicende biografiche di personaggi storici italiani: Tommaso Campanella (1880) e Giordano Bruno trascinato al supplizio esposto a Roma per l’Esposizione di Belle Arti di Roma nel 1883.
Una figura artistica fondamentale per la sua carriera artistica fu Mosè Bianchi (1806 - 1875), in particolare per la tecnica spigliata e la pennellata carica di fervore.